lunedì 16 dicembre 2013

Vice-Campioni


Vice-Campioni ma e' come essere Campioni ugualmente al pari della corazzata Lentigione, unica squadra imbattuta per tutto l'arco del girone di andata. Fiorenzuola al derby di Busseto per difendere il solo punto di distacco dalla prima della classe. Rossoneri rimaneggiati più forte delle difficoltà, capaci di superare per due reti a zero il Pallavicino e di essere virtualmente in vetta per quasi l'intera domenica di chiusura della prima parte di campionato. Manca una domenica alla chiusura definitiva dei giochi prima dell'interruzione per le festività natalizie e anche se dovessimo incappare in un passo falso in quel di Rubiera e finire a -4 dall'undici altrettanto galattico di patron Amadei, resta un primo spezzone di campionato Eccezionale. I numeri della creatura di mister Alberto Mantelli: 40 punti di bottino (un solo punto in meno della capolista), frutto di: 12 successi, 4 pareggi e una sola sconfitta ad opera della Fidentina sorpresa di alta classifica del campionato. Miglior difesa quella di capitan Piva, Valizia e soci con la bellezza di sole 9 reti incassate e un attacco-Mitraglia da 29 centri, il secondo piu' prolifico del raggruppamento. Numeri alla mano, numeri Record. Con un Fiorenzuola che e' al giro di boa del girone di andata ha fatto meglio del grande Fiorenzuola di capitan Melotti e mister Perazzi poi promosso in serie D al termine della stagione 2007-08. Cifre che scrivono nuovi record nella pagine di storia Rossonera. Numeri messi in cascina con merito, grazie al grande lavoro di un gruppo di ragazzi semplici, professionisti veri. Numeri che premiano la forza del gruppo nel suo insieme e regalano un girone di ritorno da vivere ancora tutto d'un fiato nei primi gradini della graduatoria. Un girone di ritorno che si preannuncia davvero interessante. Con noi protagonisti, a contendere lo scudetto al quotato Lentigione. Numeri che premiano le scelte della societa': riconferma in toto dell'ossatura della squadra, potenziamento del settore giovanile e nuovo campo di allenamento indispensabile per la prima squadra. Una societa', che nonostante la crisi economica ha saputo ritrovare risorse,entusiasmo con tanta voglia di lottare ai vertici per raggiungere grandi obbiettivi.
Buone Feste a tutti!
Prova ulteriore l'ingaggio dell'ultimo arrivato Casisa, ex serie C a dare classe e qualità aggiunta all'attuale fantastico gruppo. La solidita' societaria, la campagna acquisti estiva di primo piano subito azzaccata rientrando nei numeri di budjet, e la serieta' e il grande lavoro a testa bassa dei ragazzi ha portato a questo primo grande risultato. Con umiltà, sudore, poche chiacchiere e tanta voglia di migliorarsi sempre. Punti su punti siamo riuscita a restare li, a un passo dalla vetta. Aspettando Cerati, aspettando un Franchi piu' egoista sotto porta, aspettando il piede ancora più fatato di Lucci, con un Silvestri uomo-guida a tornare caccia-bombardiere, migliorando quelle piccole cose rimaste si puo' tornare a riscrivere qualcosa di davvero bello e importante a Fiorenzuola.
blogfiorenzuola1922@gmail.com
Daniele Pizzelli grande protagonista del girone d'andata
Andrea Lucci premiato dal presidente Baldrighi
i presidenti Pinalli e Pighi
Alberto Mantelli
Capitan Dennis Piva

venerdì 15 novembre 2013

FORZA FIORE

Per i gloriosi colori sociali, per la Città, per la nostra grande Passione! l'US FIORENZUOLA CALCIO 1922
Sosteniamo i Nostri ROSSONERI Protagonisti in vetta al campionato di Eccellenza...

Salsomaggiore-FIORENZUOLA domenica 17 Novembre ore 14.30

FIORENZUOLA-Rolo domenica 24 Novembre ore 14.30
Meletolese (RE)-FIORENZUOLA domenica 1 Dicembre ore 14.30 FIORENZUOLA-Bagnolese domenica 8 Dicembre ore 14.30 
Pallavicino (PR)-FIORENZUOLA domenica 15 Dicembre ore 14.30



I resoconti del blog sulle partite torneranno a dicembre




mercoledì 6 novembre 2013

La Ricompensa

la grinta di Marco Fogliazza
Se domenica la palla andava dentro.. sai mica? Molto meglio così. Cheuno poi si monta la testa ed è finita. E' finita nel vero senso della parola perchè poi non ne vince più nemmeno una fino al taglio del panettone. CREDETEMI.
Invece a Lentigione, contro la super-star del girone è andata bene così. Un pari giusto con una gran bella ricompensa. La soddisfazione di aver fatto tremare la battistrada del girone. Di essere usciti dal campo fra gli applausi e la soddisfazione della tanta gente di Fiorenzuola presente al seguito. La partitissima è stata preparata alla grande dal mister e dai ragazzi che all'appuntamento, sullo stretto campo dei gialloblu, hanno sciorinato una delle loro migliori prestazioni degli ultimi anni, da voto 7.5 a tutti i componenti di questo fantastico gruppo.
Ora bisogna pensare al prossimo impegno. Ah, se si potesse pensare nella testolina di ciascuno di noi di dover affrontare in tutte le sfide restanti la capofila del girone sono convinto che sarebbero tutte vittorie. Perchè molte volte i campionati si perdono lasciando punti per strada, contro le compagini di media e bassa classifica, non con le prime della classe. Ci può stare di perdere contro la Fidentina big a sorpresa del raggruppamento, ma i punti che lasci contro Centese e San Felice, quelli pesano molto di più. E ci é andata ancora bene, che qualcosa abbiamo raccolto, due punticini fondamentali in rimonta, grazie alla forza del gruppo unita alle prodezze realizzativa di un difensore di classe qual'è Marco Fogliazza.
Domenica sbarca al Comunale la Sampolese, compagine reggiana che stazione appena dietro le prime posizioni. Con sedici punti in classifica i gialloverdi hanno per ora la testa tranquilla con la voglia sicura di fare bene da noi. Sarà una partita speciale per il nostro Nicola Picchi che tanto bene ha fatto da loro, negli anni di militanza gialloverde. Nella passata stagione la Sampo fu l'unica squadra in grado di battere la Lupa Piacenza nel girone d'andata. Sono rimasti: l'esperto difensore Omar Dallari e il socio Nevicati. L'allenatore non è più Pivetti ma è l'ex Brescello: Carlo Ferrarini. I migliori realizzatori sono l'attaccante Pin ex Pallavicino, Camara e Dall'Aglio. Tutti a quota 3 goal. Nicola Dall'Aglio reduce dall'esperienza di Pontedera in C2, è un classe 1993 ex ragazzo prodigio del Diesse Guarnieri, alle dipendenze di mister Mantelli assieme a capitan Piva, Petrelli e Pizzelli al Fidenza un paio di anni fa, come il giovane ivoriano Ismael Camara. Nell'ultima giornata i reggiani hanno superato di misura la Virtus Pavullese grazie ad un rigore della punta Mattia Pin a inizio gara. L'anno scorso, Fiorenzuola contro Sampolese sul finire della stagione, finì in parità con un pirotecnico tre a tre. Doppietta di Andrea Lucci e gol del pari di Simone Cerati per noi. In gol per gli avversari Ravanetti, bomber Lorenzini (passato in estate al Termolan Bibbiano) e Batchouo.
Let's Go ROSSONERI!
blogfiorenzuola1922@gmail.com

Un sogno da realizzare (Amarcord ROSSONERO)

giugno 1995. Intervista a capitan Rocco Crippa... 

domenica 3 novembre 2013

Lentigione-FIORENZUOLA 0-0

Che gran bella partita in quel di Lentigione. Bella e combattuta. Risultato finale ad occhiali ma quante emozioni. Al piccolo impianto del “Levantini”, contro la prima della classe, e' sceso in campo il Fiore tutto Cuore e carattere che vorresti vedere tutte le domeniche. Due squadre a darsi battaglia a viso aperto alla ricerca del colpo dei tre punti fino all’ultimo. Poi la conduzione di gara dell’arbitro molto permissiva ha giovato molto all’intensità. Ne e' venuta fuori una gara spettacolare fra le compagini del torneo. Lentigione paese e' triste triste. E' una chiesotta e la grande industria l'Immergas. L’argine verde. Basta. Qui hanno fatto la serie D alla fine degli anni 90 con “rambo” Ravasi in difesa. Uno che con la maglia del Fiorenzuola addosso non mollava mai. Un solo anno in D poi giù. Ora ci sono i soldi per fare una serie C di grido. Qui agli storici colori sociali: il giallo e il blu hanno preferito i colori del main sponsor. Tribuna e casacche sono state ritinteggiate di biancorosso. E’ la partita più attesa e Mister Mantelli non ha l’elmetto ma la bacchetta da maestro a portata di mano. Modella il suo fantastico Undici con la novità Barba sulla corsia mancina preferito al giovane Strozzi. In avanti Franchi c’è a cercare l’acuto vincente, mentre il pacchetto di centrocampo è rafforzato dal fosforo di Picchi preferito a bomber Silvestri che qui e' quasi di casa. Chissa' nei tanti campionati di Promozione disputati quante volte l'ha messa dentro qui. La panchina rossonera e' cortissima. Nelle file del cingolato Lentigione ancora imbattuto dopo 10 giornate, manca il centrocampista ex Colorno: Scaravonati, con qualcuno del posto che si lascerà scappare verso di noi: ah se ci fosse stato Scaravonati. Scaravonati cosa? Che con un Alessandro Sessi così non si passa.
Nelle file giallo-blu manca anche l'ex Pecorari che e' in tribuna. Assenza di grido anche questa. Ma si sapeva. Fiorenzuola bello da subito, padrone del campo della regina del girone a dettare il gioco. L'occasione piu' prolifica capita a Franchi servito alla grande da Lucci. Diagonale secco, quasi imparabile del nostro bomber sul quale Pini si supera. Le tre lunghezze che abbiamo da loro in classifica dove sono? Il primo tempo e' nostro ai punti. Ripresa con piglio giusto ancora per noi. Poi alla distanza usciranno i ragazzi di Pietranera. Miftah si scatena ma superare oggi Petrelli e capitan Piva e' impresa ardua credetemi. Anche con trappoline e trucchetti vari. Nada. Al minuto 24’ il capolavoro di giornata confezionato da Sessi e soci con un azione spettacolare tutta di prima. Quattro tocchi fulminei per mettere in condizioni Mazzoni (fra i migliori in campo ma che non è un bomber) di trafiggere a quasi porta spalancata l’estremo difensore avversario Pini. Sarebbe stato troppo bello così. La palla sorvola di poco il montante alto della porta reggiana. Fa niente. La sfida resta bellissima. Le due squadre continuano a non accontentarsi del pari. Pizzelli-Visioli (il nostro eroe di Carpenedolo) che duello. Triangolazioni di classe dall’una e dall’altra parte portano palloni invitanti ai rispettivi finalizzatori. La sfida va a vanti colpo su colpo. In un continuo e avvincente botta e risposta. Il pubblico numeroso si diverte. La vecchia tribunetta da 400 posti, addossata al campo è piena in ogni ordine di posto. E' poi il momento dell'ingresso di Silvestri a dare forza e peso al reparto avanzato valdardese, al posto di un positivissimo Lucci. "Bucagli i guanti" esclama Ennio Tribi emozionando.  L'ex cadetto Tarana e' letteralmente annullato dai nostri Barba e Fogliazza. Napoli e Miftah non riescono a sfondare cosichè coach Pietranera ordina di crederci dalla distanza. E così al minuto numero 40’ su schema di calcio d’angolo il raffinato trequartista Urbano fa partire un razzo che va a sbattere all'incrocio dei pali della porta difesa da un attento e bravo Valizia. Dopo questo brivido il direttore di gara dice che può bastare. Termina zero a zero il match-clou della undicesima giornata. Tutti ORGOGLIOSI, contenti e soddisfatti sugli spalti.
blogfiorenzuola1922@gmail.com



Lentigione-Fiorenzuola      0-0          
Lentigione: Pini, Donati, Fabris, Addona, Urbano, Truffelli (87’Lucchini), Tarana, Visioli, Miftah, Pè, Napoli.
A disp: Mondini, Benassi, Pisani, Tedeschi, Vinaglio, Melli. All: Pietranera
Fiorenzuola: Valizia, Petrelli, Barba, Mazzoni, Piva, Fogliazza, Pizzelli, Sessi, Franchi, Lucci (70’Silvestri), Picchi. A disp: Sozzi, Strozzi, Zanazzi, Biolchi, Bersani, Masseroni. All.: Mantelli
Arbitro: Sig. Scordo  di Novara
Note: spettatori 400 circa con larga rappresentanza ospite, terreno in ottime condizioni

Ammoniti: Miftah(L), Urbano(L) , Donati(L) , Petrelli (F), Angoli: 4-6


capitan Dennis Piva toccato duro da Miftah

Alessandro Sessi padrone del centrocampo


giovedì 31 ottobre 2013

Soldati Romani big-match a Lentigione

che squadra la capolista. Osserva bene qui sopra però: UNO PIU' FORTE DELL'ALTRO...
Manca poco alla supersfida di domenica fra la prima della classe, il Lentigione, e la sua diretta inseguitrice, noi del Fiorenzuola. Chissa' come hanno preparato la sfida i ragazzi in settimana. Domenica, dopo il pranzo in famiglia, si imboccarà la via Emilia in direzione Parma per raggiungere la bassa reggiana. Appena sbarcherete nella frazione di Lentigione, c'è solo il campo da calcio e la chiesa.. varcato l'ingresso e percorso il vialetto pedonale dietro la porta vi troverete dinnanzi due soldati romani ad accogliervi. Bhe, non fatevi intimorire perchè siamo all'altezza della padrona di casa. Ok, e' vero, con Miftah, Addona e Pietranera in gialloblu come ai tempi dei Crociati Noceto, sono sempre stati dolori per noi. Ricordate quei millecinquecento circa musi lunghi del Comunale dopo la papera di Bersellini in quella fredda domenica di gennaio dell'anno 2009? Bhe, a me tutti questi corsi e ricorsi, queste seghe mentali mi fanno un baffo. Non ho più paura di nessuno perche' a sprazzi ogni maledetta domenica, mi sembra di rivedere in capitan Piva, Sessi e compagni i due soldati romani che incontreremo nel parterre di Lentigione. Sarò sincero, perchè con voi mi confido sempre e non so dirvi bugie, c'é comunque qualcosa sotto sotto che mi preoccupa non poco. Sono i palloni di cuoio che Franchi non mette più dentro nelle porte avversarie. E quanti sprechi a settembre dell'anno scorso in quella porta che dovremo infilare per bene domenica. E invece Modafferi .. pim..pim!
Come direbbe il nostro caro Ennio Tribi (c'era domenica al Comunale). Due a zero e a casa quella volta là. Se poi in estate noi non abbiamo preso Napoli per tenerci stretti Luca e Andrea Lucci e aggiungere al duo Silvestri, tanto di cappello a chi a scommesso su questi ragazzi. Mi preoccupa un pò anche la spalla del centrocampista fiorenzuolano Mazzoni uscito malconcio nella gara contro la Pavullese. Ma le cose che mi preoccupano di più sono: i giovani e i padri di famiglia disoccupati, le pareti degli asili tinteggiate dai genitori, i termosifoni spenti nelle scuole, gli ospedali che chiudono mentre a roma le pance ingrassano. E se domenica c'e' il toro di sabbioneta a puntarci contro corna acuminate, noi rispondiamo in casacca ROSSOnera con Barba da Roveleto, Fogliazza da Ponte dell'Olio e Lorenzo Strozzi. Mantelli contro Pietranera. Non sarà più quell'avvincente sfida fra guardia e ladri su di un velluto verde come ai tempi della serie C anni 90' ma un'avvincente sfida a scacchi, una sentita partitona a Risiko. Mossa su mossa. Che vinca il migliore. La classifica. TRE punti ci separano dal giocatolo di lusso di Amedei. Un solo Golasso difeso con i denti potrebbe bastare per .... C'è anche da dire che, comunque vada ci sarà poi da disputare ancora un campionato e mezzo per conoscere la regina dell'Emilia che la spunterà. Noi meno buoni ma più squadra? Non saprei dirvi. Io guardo a casa mia e aspetto domenica. Sogno una sfida da rileggere appassionatamente al lunedì su pagine ingiallite di quotidiano. Sogniamo una gara non bella, ma stra combattuta colpo su colpo. Una partita con tempo bigio autunnale e cornice di pubblico appassionata. Tanta gente di Fiorenzuola assiepata sui gradoni bassi di una vecchia tribuna. Tutti addossati al corto e stretto campo da gioco di Lentigione, ansiosi di assistere ad una giocata da N°10 o a un siluro di Picchi, ad un raddoppio di Fogliazza su un avversario, ad una paratona di Valizia che vale quanto un gol, ad un contrasto vincente di Petrelli, ad un gol di Silvestri. Con tante radioline alle orecchie che ronzano, perche' a questo appuntamento da don Camillo e Peppone non si può mancare. Lentigione-FIORENZUOLA
Si vince con il Cuore. Per tutti l'appuntamento è fissato per domenica 3 Novembre, a Lentigione (RE), nelle vicinanze di Brescello. Inizio delle ostilità per le 14.30.. FORZA MAGICO FIORE
Marco Moschini

mercoledì 30 ottobre 2013

a scalare la torre degli Asinelli (Amarcord ROSSONERO)

Per centrare grandi imprese ci vogliono: 
qualità, testa, cuore 
ma soprattutto la giusta dose di culo.
M.M.
Renato Vermi VIGNETTISTA PIACENTINO disegna per il Fiorenzuola. Anno 1995
Spareggio per la serie B, FIORENZUOLA-PISTOIESE, stadio Dall'Ara di Bologna.
Nella vignetta è ritratto l'allenatore Gianfranco D'Astoli e la torre degli Asinelli della città Emiliana.

lunedì 28 ottobre 2013

FIORENZUOLA-Virtus Pavullese 2-0 Luca Franchi, Nicola Picchi


Nicola Picchi
Contro la Pavullese abbiamo vinto. Una rete per tempo per stare incollati dietro alla vetta. Cosa chiedere di più? Ora e' tempo di preparare nel migliore dei modi la partitona di domenica contro la capolista Lentigione. E stamattina mentre sto per pubblicare questo post il primo pensiero va a Cerati. Oggi è il giorno dell'intervento al ginocchio. Rimettiti presto Simo. 
Con quelle strisce spesse orizzontali bianche e blu sembra di riavere dinnanzi la Pro Patria. Ma non e' la gloriosa pro di Mezzini e compagnia briscola questa, e' la Virtus Pavullese. I modenesi si presentano al Comunale con una truppa di baldi ragazzi e il loro mister Colantuono in gradinata causa squalifica. Rispondiamo con quel fantastico completo Nero bordato rosso in ossequio ai nostri 90 anni di storia vera. Contro i verde-blu è necessario vincere. Serve vincereLE tutte da qui alla fine per riprendersi quei 28.3 x 24 = 679.2 cm2 di quotidiano LIBERTA' deturpati da troppe domenica. Secondo me ce la facciamo. Partita in bilico contro Pavullo, per tutto il primo tempo, con il pressing alto sui nostri portatori di palla adottato dagli avversari a metterci in difficoltà. Sul finire della prima frazione di gioco un rigore procurato da Andrea Petrelli, vero uomo a tutto campo Rossonero, ci spiana la strada. Sul dischetto si presenta Luca Franchi che non sbaglia. Infila il portiere ospite Botti strappandoci un grosso sorriso. Terzo centro stagionale per l'attaccante piacentino e si va al riposo avanti di un gol. Ripresa sempre con la Pavullese chiusa a lasciare fare gioco ai rossoneri, l'intento sembra quello di trovare rimpalli favorevoli per innescare manovre pericolose. A loro forse manca qualcosa in avanti, troppi pesi piuma. Intanto scorci di sole sul manto verde del Comunale e al quarto d'ora  la mossa vincente di mister Mantelli saggio a indovinare il primo cambio della gara. Il neo-entrato Nicola Picchi, subentrato a Pizzelli, raccoglie una palla vagante in piena area e incontrastato la scaraventa di potenza e precisione oltre il muro modenese. Un gol bellissimo. Due a zero nostro, su questa rivale di vecchia data. Nicola è in crescita, buon per noi in vista del proseguo del campionato. Intanto il giovane Mazzoni deve abbandonare il campo malconcio. Si rivede così il mancino Samuele Barba che ti sa saltare sempre l'uomo. Mentre arrivano notizie che annunciano: il cingolato Lentigione sta espugnando il difficile terreno San Felice, il nostro carattere e la  maturità di grande squadra, acquisita domenica dopo domenica ci permettono di controllare il match fino al termine. Emblematiche la condotta di gara dei veterani Piva e Pizzelli che lottano e a guidano i più giovani fino all'ultimo istante, senza remore, senza paura "di sporcarsi"  nonostante la pericolosa diffida portata addosso prima di rivederci a Lentigione.
Grazie Ragazzi
blogfiorenzuola1922@gmail.com



FIORENZUOLA-Virtus Pavullese 2–0
Fiorenzuola: Valizia, Petrelli, Strozzi, Mazzoni (70’ Barba), Piva, Fogliazza, Pizzelli (60’ Picchi), Sessi,  Franchi (80’ Biolchi), Lucci, Silvestri. All. Mantelli
Virtus Pavullese: Botti, Valmori, Suma, Dieng, Facchini, Puglia, Beltrame (67’ Amari), Fuseini, Fidone, Vaccari (58’ Canovi), Politano (80’ Indrizzi). All. Tonelli.
Arbitro: Sig. Ballerini di Bologna, coadiuvato da Trillo e Caggiano)
Marcatori: 43’ rig. Franchi (F), 61’ Picchi (F)
Note: giornata mite, terreno in buone condizioni. Spettatori 150 circa.
Ammoniti: Franchi (F), Politano (VP), Suma (VP), Biolchi (F)

Simone Silvestri ancora protagonista
la mossa vincente. L'ingresso di Nicola Picchi

venerdì 25 ottobre 2013

la Domenica Sportiva

Daniele Pizzelli grande protagonista di quel Fiorenzuola-Pavullese annata 2005-06
Domenica sbarca al Comunale la Virtus Pavullese. Con inizio alle ore 14.30. Guai a distrarsi pensando già alla sfida del 3 Novembre. L'entrata in vigore dell'ora solare, annuncia l'arrivo imminente dell'inverno, anticipando di un'ora l'inizio delle gare. In Lentigione-Fidentina di qualche domenica fa, un centinaio di spettatori, non di più. A San Nicolò, per la nostra gara con il Royale a far da cornice non oltre centocinquanta spettatori, in maggioranza arrivati dalla Valdarda. Se poi, al lunedi, al bar fai passare i tabellini della Lega Pro Seconda Divisione, sulla Gazzetta dello Sport, in certi impianti si arriva a mala pena alle 200-300 unità. La media di questi tempi purtroppo è questa. Poi se si riguarda il video degli spunti salienti del nostro derby di domenica e si riammira l'euro-gol di Lucci, le giocate e le azioni che hanno portato a finalizzare gli altri gol non ti capaciti. Si Si sono persi forse i valori della tradizionale domenica allo stadio. Sono lontani gli anni del padre con i figli al campo sportivo, il cuscinetto e la radiolina incollata all'orecchio per la diretta-goal della serie A di RADIORAI. Sono lontani i tempi dei viaggi in Fiat Ritmo per seguire la squadra del paese nei dilettanti o in serie C. Le dirette TV, i 10 euro di ingresso che rapportati alle 5 mila lire di allora si sono quadruplicati e non sono affatto pochi se si pensa a quanta gente è a casa senza più un lavoro. Erano altri tempi comunque, meno modernità e più voglia di passare una domenica fuori a prendere il freddo e a vivere il Calcio in modo vero. Ci si accontentava di immaginarsi i gol di Platini, Pruzzo, Maradona, Van Basten con i suggerimenti dell'inviato della Rai pronto ad intervenire in radio. Poi il tutto si materializzava alla 18.30 circa con NOVANTESIMO MINUTO (mitico Valenti) e poi alla sera fino a tarda notte con i resoconti e le immagini de LA DOMENICA SPORTIVA. Perchè alla domenica pomeriggio era sacrosanto andare al campo a seguire le gesta dei vari Bertelli, Talignani, Pompini, Clementi.
Pizzicotto. Riapro gli occhi. I verde-blu della Pavullese sono freschi di retrocessione dalla serie D, reduci dalla sonora sconfitta interna contro la Centese e dalla sconfitta di mercoledi nel recupero dei minuti non giocati della gara interna contro il fanalino di coda Arcetana (1-2 per i biancoverdi). La gara con la Centese si è conclusa in dieci per l'espulsione del difensore centrale Fornetti (l'unico reduce dell'ultimo Fiorenzuola-Pavullese del 2010) e dell'allenatore. In campionato, modenesi hanno manifestato fino ad ora una spiccata allergia ai pareggi. I nove punti racimolati fino ad ora sono frutto delle tre vittorie ottenute tutte fra le mura amiche. Fiore all'occhiello quella sulla super Fidentina alla seconda giornata. Otto le reti fatte (solo una realizzata lontano dagli Appennini), 12 quelle subite.
Dopo la retrocessione dalla serie D il club di Pavullo nel Frignano si è fortemente ridimensionato. Il centrocampista Serrotti cercato da tutti in estate si è accasato in serie C al Prato, via anche gli altri elementi di maggiore caratura tecnica. La squadra attuale allenata da Salvatore Colantuono, arrivato in estate dal F.C. Zocca (campionato di Prima Categoria) è la più longeva del girone. Tanti ragazzi del vivaio più quelli arrivati in estate dai settori giovanili professionistici di Modena e Sassuolo. Scartabellando la rosa, il giocatore più "anziano" risulta il difensore Mario Puglia, un classe 1984. L'estremo difensore Botti è un 96'. Il migliore realizzatore è il ventenne Roberto Ansaloni. Ricordo un Ansaloni tecnico modenese, in serie C negli anni 80'-90'. Giancarlo Ansaloni per la precisione, sulle panchine di Forlì, Trento, Brindisi, Salernitana, Reggina e Turris.
Per chi non ha mai smesso di seguire il Fiorenzuola in questi anni, ricorda bene le sfide infuocate di alta classifica contro la Pavullese nel triennio che va dal 2005 al 2008 (campionato di Eccellenza). La prima al Comunale risale alla ventiseiesima giornata della stagione 2005-06. Avevamo chiesto l'anticipo al sabato sera per la concomitanza con la Zobia, gli avversari acconsentirono. Finì 4 a 1 per noi, un una serata molto umida grazie alle reti di Daniele Pizzelli (doppietta e gran partita), l'indimenticabile Roberto Alberici e il grande Sandro Melotti. L'anno dopo con Abbati, si gioca sempre in concomitanza con le feste di Carnevale ci vuole l'eclettico Luca Mosti a risolvere la disputa sul forte undici di mister Pivetti e vendicare così le quattro scoppole rimediate dai Rossoneri all'andata. Nella stagione 2007-08, Fiorenzuola-Virtus Pavullese è il big-match della quindicesima giornata (2 dicembre 2007), con buona cornice di pubblico. Segna per noi Daniele Fermi poi gli uomini di Pivetti mettono la freccia con le reti di Broccanello (doppietta) e Sasà Greco. Due lussi per la categoria. Ma forse il Fiorenzuola-Virtus Pavullese più avvincente è stato l'ultimo, quello del campionato di serie D 2010-11. Era il 31 ottobre 2010, non una partita di calcio ma una battaglia campale nell'acquitrino del Comunale sotto un acquazzone senza interruzione. Al minuto numero 22 della ripresa il gol liberatorio di Christian Arena (che numero 10!) e poi a soffrire sotto le luci dei lampioni, tutti inzuppati d'acqua fino al triplice fischio finale del Sig. Mainardi di Bergamo.
Abbiamo sempre sudato le cosidette sette camicie contro la Pavullese (forse fi più in casa loro che da noi). Domenica è importate non deconcentrarsi e continuare sulla strada intrapresa nel doppio turno esterno che ha fruttato sei punti su sei in classifica.
Mister Mantelli può recuperare la rapidità del mancino Samuele Barba reduce dall'infortunio all'inguine. Bene le cose semplici ma efficaci di Nicola Picchi entrato nella ripresa a San Nicolò. Questa nostra pedina, se trova continuità e i colpi di genio della passata stagione può farci fare un notevole salto di qualità. Per mercoledi siamo andati a prendere le misure del campo di Lentigione per la supersfida del 3 Novembre. La formazione infarcita di giovani sotto la guida di Mantelli e Marco Quintavalla (mister della Juniores) ha ceduto il passo ai pari età gialloblu per due reti a zero, nella sfida valevole per il gironcino a tre di Coppa Italia che aveva già decretato il passaggio del turno del Salso. Un occasione importante per provare, in gara ufficiale, i nostri ragazzi del viviaio. Trovare qualche giovane in più. Per domenica, attenzione ai ragazzi che sono o saranno prossime alla diffida in vista di quella serie di sfide di alta classifica che ci aspettano nella seconda parte del girone di andata. Il calendario di giornata di domenica è davvero interessante. Al "Ballotta": derby al vetriolo fra Fidentina e Salsomaggiore tornato derby d'alta classifica come ai tempi della Promozione. A Rolo, si affronteranno i padroni di casa in leggero ritardo in graduatoria e la Sanmichelese, mentre la capolista Lentigione dovrà affrontare la trasferta non facile di Cavezzo, ospite del San Felice.
Viva La Domenica Sportiva
blogfiorenzuola1922@gmail.com



Strippoli, Necco, Valenti, Castellotti, Vasino, Rancati...


FIORENZUOLA-Virtus Pavullese 1-0 Mosti (2006-07 Eccellenza Emiliana)
FIORENZUOLA-Virtus Pavullese 1-0 C.Arena (2010-11 serie D)

giovedì 24 ottobre 2013

Cielo bigio, caldarroste e Football

Cielo bigio, caldarroste e Football nostrano. I ricordi in bianco e nero, datati anni 80', delle sfide autunnali più belle della nostra storia. Campionato Interregionale 1984-85 FIORENZUOLA-SANT'ANGELO 5-3 e ORCEANA-FIORENZUOLA 1-0

lunedì 21 ottobre 2013

Royale Fiore-FIORENZUOLA 1-3 Andrea Lucci, Simone Silvestri, Daniele Pizzelli


Gran gol di Andrea Lucci
Una vittoria con gol e spettacolo per stare incollati alle calcagne della prima classe, bella figa ok, ma non troppo. tempo al tempo ragass. A parte gli scherzi è meglio guardare il nostro e fare i conti alla fine. Il plotone Lentigione è una squadra costruita per vincere. I gialloblu sono ancora imbattuti. Ancora bene la Fidentina, dietro di noi ad una sola lunghezza. I granata hanno fatto a pezzettini la Meletolese a casa loro. Bene anche il sorprendente Salsomaggiore vittorioso sulla forte Sanmichelese. Noi, da grande squadra, stiamo al passo. A Riva Trebbia i nostri ragazzi hanno fatto il loro dovere. Sono stati perfetti. Bravi a non fare ragionare il centrocampo di qualità dell’undici del presidente Rizzo. Bravi ad imporre il loro gioco e a sfruttare al meglio le primissime vere occasioni da gol con le bocche di fuoco rossonere in grande spolvero. E' la prima di Darione Hubner da allenatore. Tuoni e fulmini ad ottobre non si erano mai visti, in una domenica umida che concilia alla perfezioni con i prelibati anolini del pranzo domenicale di San Fiorenzo. A San Nicolò,  popolosa frazioni di Rottofreno, alle porte della città, l’autentico, il solo e l’unico Fiore della storia del football italiano non c’era mai stato. Qui, su questo rettangolo verde ha fatto tanto bene Cerati in maglia bianconera. Simone è in tribuna a sostenere i compagni. C’è anche l’attaccante Chiaia, incubo nostro ai tempi di Olginate in serie D. Nei bianco-viola, siede in panchina il temuto centrocampista Pellacini. A dirigere la linea difensiva il nostro ex Lorenzo Liverani. Scroscio d’acqua violento al quarto d’ora a mettere in apprensione. Minuto numero venticinque, piede caldo Lucci. Dagli scarpini del ritrovato numero 10 rossonero parte un destro al volo potente e di rara precisione che si va ad insaccare sotto l'incrocio dei pali. Porca eva che gol! Il gol dell’anno e ripensandoci bene poi alla notte: ma quanto e' bello il calcio dilettanti nostro se ti puoi permettere di avere dei giocatori del calibro di Andrea. Lucci ci ha abituati a farci il regalo a San Fiorenzo. Ricordate un anno fa al Comunale ? Fiorenzuola-Folgore Bagno 3-3 ? Trascorrono solo pochi minuti e l'ex di turno Andrea Nutricato, da pochissimo nuovo portiere del Royale deve compiere un autentico miracolo per negare la gioia del gol allo scatenato Luca Franchi. Una signora, seduta sui gradoni bassi della tribuna decide di ammainare lo striscione viola “Settore Fiore” appeso alla recinzione. Dopo l’assalto alla porta avversaria di Franchi e' la volta di Simone Silvestri ed e' quella buona. Siamo sul finire della prima frazione di gioco. L'attaccante reggiano raccoglie un appoggio d'oro di Franchi scaricandolo nel sacco grazie anche alla complicità di una deviazione avversaria sulla sua potente conclusione. Quinto centro stagionale per Silver. Si va dritti dritti negli spogliatoi senza patemi, sul due a zero per noi. Ripresa ancora di marca Fiorenzuolana e al secondo minuto di gioco, giunge il terzo capolavoro di giornata, opera realizzata per meta' da Daniele Pizzelli (sua la rasoiata al veleno) e per metà al velo di tacco da genio di Luca Franchi. Nonostante il 3 a 0, i colletti bianchi di Mantelli insistono divertendosi nel gioco e propiziando occasioni da gol. Franchi vuol bucare. Ma aspettiamo Lentigione. Petrelli è mastodontico nelle inusuali vesti di terzino mancino. Al centro del pacchetto arretrato Fogliazza e Capitan Piva impeccabile. Bene la conferma in mediana del giovane fiorenzuolano Mazzoni. Alla mezzora la prima vera risposta degli uomini di Hubner, azione nata dai piedi del bravo centrocampista Stefano Zamboni ex Bobbiese e Melegnanese, con una gran parata di Marco Valizia che va a togliere dall'angolino basso una sfera calciata da Ferreira che sembrava già dentro, preludio alla traversa colpita da Angov dalla distanza (ma Valizia c’era) e al gol della bandiera siglato all’86’ dal neo entrato Romagnoli. Questi, sul finale gli unici pericoli corsi da un Fiorenzuola bello e spettacolare. Picchi entrato nella ripresa, al posto di Silver-gol, ha dato verve al gruppo ed energie fresche dalla mediana in su. Le mani sul derby sono quelle dei Rossoneri.
Perché spesso accade che poi una si monta la testa ed e' un attimo che...
blogfiorenzuola1922@gmail.com