lunedì 13 ottobre 2014

FIORENZUOLA-Delta Porto Tolle 3-2 Nicola Mazzoni, Daniele Pizzelli, Giuseppe Casisa

impresa US FIORENZUOLA CALCIO
Peppe Casisa
Ci sono domeniche che ti restano nel cuore. Fiorenzuola-Delta Porto Tolle sarà per me una di quelle, assieme a tutti i suoi protagonisti. Perchè se tieni davvero ad una cosa, fin da quando eri piccolo le tante emozioni di un pomeriggio del genere restano indimenticabili. Fiorenzuola che affronta la capolista del girone, la domina, passa in vantaggio, subisce il ritorno degli avversari, va sotto in inferiorità numerica per poi sorprendere tutti con il gol del pareggio e la seguente rete del sorpasso che fa impazzire di felicità.
Già dalle battute iniziale si vede in campo un Fiore che come nella fatal Correggio ha tanta voglia di provare a vincere. Un Fiorenuola votato all'attacco con i preziosi rientri di Michele Piccolo ed Ettore Guglieri. Contro di noi una squadra costruita in estate per fare la categoria che è appena sotto la serie B: è il Delta Porto Tolle con il suo nutrito seguito di sostenitori e un'avvenente ed elegante donna in panchina.
Fiorenzuola bello e concreto che trova il gol alla mezz'ora con il giovane fiorenzuolano Nicola Mazzoni. Si si: Mazzoni proprio lui. Il centrocampista valdardese palla al piede, alza lo sguardo all'altezza dei venti metri in posizione centrale e fa partire un destro micidiale che si infila sotto il sette. Mazzoni festeggiato dai compagni sembra quasi non voler esultare, non credere a quanto accaduto, lui che gioca sempre per per gli appoggi ai colpitori compagni, lui che non tira mai.
Nicola Mazzoni
Un gol bellissimo, da capogiro il suo primo sigillo in carriera con la gloriosa maglia della squadra di calcio della sua città. Da non credere: Fiorenzuola in vantaggio. I veneti tentano una reazione immediata ma l'undici di Alberto Mantelli controlla bene: il tanto temuto attaccante di serie A: Cozzolino finisce spesso in situazioni imbarazzanti negli uno contro uno con capitan Piva. Ottimo Marco Fogliazza assieme a Petrelli nel paccetto arretrato.  A centrocampo con Sessi e l'under Pighi costruiamo tanto mettendo in condizione Franchi e Piccolo (che è di Rovigo come gli avversari) di colpire. Ci piacerebbe ascoltare un commento a caldo dell'illustre commentatore sportivo Bargiggia presente al Comunale per assistere la gara del figlio ma forse sarà meglio soprassedere. Cammina nervoso nel parterre della nostra tribuna. Ripresa. Fiorenzuola che non cambia di una virgola a cercare goal e a far divertire il pubblico più numeroso del solito, richiamato al Comunale da questa sfida di puro prestigio. Poi quella scelta del direttore di gare il Sig. Camplone di Pescara, che ti può mandare tutto in frantumi. Donati, giovanissimo, uno dei migliori in campo fino a quel momento, scuscia ad un avversario per poi finire giù. Una prestazione finalmente all'altezza del padre Cornelio. Ve lo ricordate quell'esterno dal viso pulito tutta qualità e sostanza del Parma di Nevio Scala? Il Dona sembrava papà Cornelio ieri. L'arbitro è plateale nel giudicare la presunta simulazione del talentino Rosso-nero e dopo i fattacci di Juventus-Roma il regolamento va applicato, non si discute. E' il secondo cartellino giallo che costa l'espulsione a Donati con il Fiorenzuola che ora se la dovrà sbrigare difendendo il vantaggio in inferiorità numerica per quasi tutto il secondo tempo.
Alberto Mantelli
Il Delta con le sue vecchie volpi non ci pensa un attimo ad approfittarne.  Gli schemi saltano, la partita è rovinata con i nostri giovani che fanno quasi tenerezza nel subire gli attacchi degli avversari. Valizia sventa alla grande la prima volta poi soccombe sul tiro ribattuto dal loro bomber: Lauria. Pari, Fiorenzuola sgominato e morale è giu. Ora i veneti sono saliti in cattedra. Punizione del limite per gli ospiti, calcia l'ex capitano dell'Alessandria. Esecuzione magistrale e palla nel sacco. 2 a 1 per gli ospiti. Troppo severa la punizione per il Fiorenzuola. Cappelluto si fa quasi tutto il manto verde del Comunale senza maglia per andare ad esultare sotto la tribuna. Un eccesso che si rivelerà in seguito errore veniale determinante. Sotto di un gol e con l'uomo in meno, non abbiamo più speranze. Però come è ingiusto il Calcio, il mondo.
Daniele Pizzelli
E invece, quando puoi contare su un gruppo di ragazzi eccezionali basta un errore dei nostri avversari sfruttato alla perfezione da Daniele Pizzelli per rimettere il MAGICO FIORE in corsa. L'uscita a vuoto del portiere di colore ospite permette a Pizze di scavalcarlo con un pallonetto finissimo mettendo in rete la palla del due a due. Ancora un fiorenzuolano in goal in questa sempre più epica sfida che ricorda quelle dal fascino ingiallito e altrettanto avvincente contro il Rovigo di Ugo Tomeazzi datate anni ottanta, in Interregionale. Il blitz di Pizzelli: che iniezione di adrenalina per i nostri e per il pubblico fiorenzuolano sugli spalti. Ma non è finita, uno dei migliori in campo, il nostro Mazzoni scappa via per l'ennesima volta al quotato centrocampo bianco-blu andandosi a guadagnare un fallo che costa il secondo giallo a uno dei calciatori più importanti per i veneti, l'autore del gol Cappelluto. Ora oltre alla parità di risultato è arrivata anche quella numerica e al Fiore il pareggio non basta più. Ora tutta la forza e il vecchio cuore Rossonero è in campo. Ritmi finali intensissimi. Luca Franchi indemoniato lancia in profondità Ettore Guglieri polmoni d'acciaio. L'eccelso mancino di Farini d'Olmo guadagna in una frazione di secondo il fondo appoggiando un assist a giro in area piccola a dir poco splendido. Un capolavoro per gli accorrenti. E Peppe Casisa sbuca come un falco, come contro il Rimini, avventandosi sulla sfera di testa e bucando la porta di Vimercati. Tutto vero. E' il gol che fa impazzire lasciando senza fiato e che tramortisce la capolista Porto Tolle Rovigo al Comunale di Fiorenzuola. Non ho più di voce. La gola è in fiamme. Che soddisfazioni e che ricordi rimarranno di questa domenica di metà ottobre. La forza di un gruppo sempre più forte ed unito attorno a mister Mantelli ha avuto la meglio con merito ad un avversario strutturato per la serie C. Domeniche così non si scordano rimangono nei ricordi più belli e nel Cuore. GRAZIE FIORE!




FIORENZUOLA-DELTA PORTO TOLLE 3-2
FIORENZUOLA: Valizia, Donati, Fogliazza, Petrelli, Piva, Mazzoni, Pighi, Sessi (53’ Casisa), Franchi (86’ Lucci), Piccolo (62’ Pizzelli), Guglieri. All. Mantelli
DELTA PORTO TOLLE: Vimercati, Acka, Azzolin, Bargiggia, Politti, Cammaroto, Laurenti, Cappeluto, Cozzolino, Lauria, Pradolin (86’ Pandiani). All. Tiozzo
Arbitro: Campione di Pescara (Santi-Berti)
Marcatori: 30’ Mazzoni (F), 67’ Lauria (DPT), 69’ Cappelluto (DPT), 74’ Pizzelli (F), 83’ Casisa (F)
Note: terreno in ottime condizioni, spettatori 600 circa, Ammoniti: Cozzolino (DPT), Pizzelli (F), Cammaroto (DPT), Lauria (DPT).
Espulsi: Donati (F) e Cappelluto (DPT) per somma di ammonizioni.

FIORENZUOLA-Delta Porto Tolle Rovigo, si scaldano gli animi in campo
Giuseppe Casisa svetta più in alto di tutti
Uno dei tanti anticipi di Dennis Piva sull'ex serie A Cozzolino
Ratti, Pighi, Campana, Vaccari
Sessi, MARCO e Casisa

Nessun commento: