mercoledì 17 dicembre 2014

Voglia di Riscatto

un calcio a questo difficile momento
Voglia di riscatto, si spera con tutto il cuore. Dopo il derby-shock di Piacenza c'è l'appuntamento con la diciottesima di campionato, la penultima del girone di andata. A farci visita allo stadio Comunale: il Ribelle 1927 fanalino di coda con 14 punti assieme all'altra romagnola il Romagna Centro che affronteremo nell'ultimo impegno prima del giro di boa in programma il 4 gennaio al "Manuzzi" di Cesena. Quando si conosce poco di qualcuno si prova ad immaginare e a primo acchito il nome potrebbe mettere un pò di paura, un pò di soggezione. La classifica al contrario, tutt'altro. Quella contro il Ribelle sarà una sfida inedita per noi che conosciamo veramente poco di questa compagine ravennate. Numeri alla mano, i nostri ragazzi hanno l'opportunità di tornare al successo dopo i pareggi stretti contro la Fortis e l'Atletico San Paolo e il mesto ko senza attenuanti nel tanto atteso derby contro il Piacenza. Numeri alla mano, il pronostico pende dalla parte nostra, ma sappiamo bene quanto si rischia a dare troppo peso ai pregiudizi e ai numeri della classifica. In Valdarda, se non fosse per il Natale alle porte, il momento non è dei tempi migliori. Siamo con la lancetta della benza in piena riserva, non si può nasconderlo. Bisognerà tirare fuori le ultimissime energie a disposizione e la massima concentrazione per portare a casa l'intera posta in palio chiudendo la prima parte del campionato a 28 punti, che sarebbe un ottimo traguardo. Conservando e sfoggiando l'onorevole sesta posizione in classifica. Mister Alberto Mantelli dovrà scelgliere chi avrà ancora forza nelle gambe e idee per riuscire a tornare alla rivolta. Il Ribelle ha vinto come noi il campionato di Eccellenza dello scorso anno approdando in serie D. Lo ha fatto battendo nello spareggio di Forlì la Sammaurese appaiata con gli stessi punti (75) sul gradino più alto. E' reduce dal pareggio ad occhiali ottenuto in casa, a Castiglione di Ravenna, contro la rediviva Imolese. L'esperto portiere Di Leo classe 1979 ha parato un calcio di rigore agli avversari. Quindi occhio! In avanti c'è da segnalare la presenza del centrocampista offensivo ex cadetto e Internazionale: Ilario Aloe. Il tecnico dei romagnoli bianco-azzurri è Nicola Campedelli (fratello dell'ex presidente del Cesena) coadiuvato udite udite, da un certo Vincenzo Maenza. Ricordate "Pollicino". si proprio lui. Quel laterale veloce e un pò tarchiato, ex bimbo-prodigio del calcio italiano ai tempi di Cesena in serie B, ma soprattutto ex Fiorenzuola targato Alberto Cavasin nella stagione 1996-97. Arrivò a stagione in corso, dallo Spezia via Cesena. 15 presenze e nessuna rete. L'ho rivisto anni dopo a Suzzara, ossigenato. Irriconoscibile. E domenica è importante per noi. E non abbiamo davanti casacche biancorosse per cui abbiamo fatto il tifo in tenera età, e non giocheremo in uno stadio da venti mila posti. Ci hanno abituati troppo bene in questi ultimi anni. Li credevamo invincibili e invece.. "Bisogna saper perdere, non sempre si può vincere" è proprio il caso di rammentare questo saggio detto. Siamo in defaiance ma dobbiamo farcela. Le avversarie si stanno rinforzando con scambi e con quei pochi quattrini che circolano. In vista di un girone di ritorno lungo e molto impegnativo sarà fondamentale portare a casa i tre punti in palio domenica. Assenza pesantissima quella di bomber Luca Franchi ma abbiamo Michele Piccolo, attaccante sul quale Mantelli e la società hanno puntato molto. Fiorenzuola-Ribelle è l'ultimo impegno casalingo di un anno 2014 eccezionale per i colori Rosso-Neri. Per rivedere il Fiore in casa, si dovrà aspettare il 18 gennaio, nella gara contro il Jolly Montemurlo. Quindi fare voi i vostri conti. Chiudere bene un anno di trionfi e successi e poi salutarci prima delle feste di Natale.
FORZA US FIORENZUOLA CALCIO!
FIORENZUOLA-Ribelle, domenica 21-12-2014, ore 14.30

Nessun commento: