lunedì 28 dicembre 2015

LA VINCITA RECORD DEL NOVEMBRE 1993

Regalare la gioia di un 13 al TOTOCALCIO che vale 5 miliardi e 260 milioni di lire (la vincita record di tutti i tempi).
il FIORENZUOLA ha fatto anche questo nella sua storia quasi centenaria. Cambiare la vista a tre italiani. Sono cose che ti segnano. Chissà se almeno uno di loro ogni tanto si informa alla domenica su quanto ha fatto il mio FIORENZUOLA che con il suo 2 a Trieste, nel lontano 1993 contribuì a trasformare in ricco sfondato un pensionato o un padre di famiglia.
la prima volta del FIORE in schedina, marzo 1992
Niente dirette TV in quegli anni spensierati, niente scommesse. Tutto ruotava attorno alla radio, a 90° Minuto in televisione e al gioco del Totocalcio e i suoi tredici segni in colonna l'1 - X - 2. E a Fiorenzuola come in tutta Italia si correva al sabato pomeriggio nelle ricevitorie del paese a fare lunghe file al Caffè Tre Mori e dai fratelli Draghi al Bar Joker. Eravamo tutti sistemisti, con le lire in mano, in gruppo o da soli. In quegli anni Fiorenzuola d'Arda era conosciuta a livello nazionale per la squadra di calcio salita alla ribalta e anche per i biglietti vincenti della Lotteria Italia di Capodanno da acquistare al suo Autogrill a ponte "il Pavesi" sull'Autostrada del Sole. Camionisti di passaggio venuti dal Sud a staccare decine e decine di tagliandi in uno dei posti più fortunati d'Italia.
Tornando alla schedina, nel marzo del 1992 la nostra prima partecipazione al concorso: Fiorenzuola-Varese, campionato di serie C2. Segna Stefano Pompini (il bomber di Noceto) a regalare lo storico 1 di schedina ad un Italia ferma immobile davanti agli schermi televisivi con un pezzo di carta in mano.


LA VINCITA RECORD DEL NOVEMBRE 1993, TRIESTINA-FIORENZUOLA 2 FISSO
La domenica italiana
è una domenica serena
La schedina tra le dita
può cambiare la tua vita
Canta così Toto Cutugno nella sigla iniziale di Domenica In del 1987, il programma contenitore di Rai Uno che tra frizzi, lazzi e spot pubblicitari ospita al suo interno 90° Minuto. Le partite della Serie A si giocano tutte insieme e la storica trasmissione condotta da Paolo Valenti è la prima a mostrare i riflessi filmati, ma anche il momento cruciale per controllare la schedina. Si sa che il Totocalcio, o la SISAL come dicono i più retro, offre spesso quote popolari, a volte regala vincite di una buona entità ma una volta ogni uno-due anni c’è il tredici col botto, quello che appunto ti cambia la vita, come dice la canzone e come raccontano alcuni film cult ( "Al Bar dello Bar Sport" con Gerry Calà e Lino Banfi ).
La prima vincita milionaria, la prima a nove cifre e quella miliardaria del 31 dicembre 1977 hanno tanto da raccontare, anche sul piano sociologico visto che la schedina sin da subito è intimamente legata alla crescita generale dei consumi, alle aspettative dei modelli di vita che via via si creano, fino a diventare essa stessa uno degli emblemi del sogno consumista."

" È di nuovo novembre, quello del 1993, e solo sette giorni prima i blucerchiati di Eriksson sono riusciti nell’impresa di sconfiggere il Milan fuori da San Siro dopo più di due anni di imbattibilità esterna: un 3-2 in rimonta che li portati in testa al gruppo. L’emozione, però, fa brutti scherzi e il vantaggio iniziale siglato da Bertarelli fa il resto. Il Cagliari non risente neanche di uno sfortunato primo tempo (palo di Dely Valdes e due belle parate di Pagliuca) e alla distanza tira fuori tutta la sua freschezza atletica e la voglia di correre sotto la pioggia. L’uomo della provvidenza è il neoentrato Massimiliano Allegri, già in gol a Genova contro la Sampdoria nel giorno delle api pochi mesi prima. L’ex pescarese segna l’1-1 sugli sviluppi di un calcio d’angolo e due minuti dopo lancia Oliveira in profondità. Pagliuca aggirato, cross al centro e il tiro di Valdes è parato da Vierchowod: espulsione e rigore segnato da Matteoli. Mancini più tardi spreca dal dischetto l’occasione del pareggio e in alcune parti d’Italia si comincia a gioire. La messe di vittorie esterne in schedina è notevole: in A vincono fuori anche il Genoa a Udine, il Milan nel derby e la Lazio a Napoli, nella parte basse il Fiorenzuola a Trieste. La sera, nel posticipo (eh sì, siamo già al primo anno di Tele più), il Parma di Zola fa fuori 2-0 la Juventus e a fare festa davvero rimangono in pochi: si contano tre tredici da 5 miliardi e 260 milioni di lire. Un record che non verrà più battuto."

Federico
fonte: http://www.calcioromantico.com/a-spasso-nel-tempo/la-schedina-tra-le-dita-puo-cambiare-la-tua-vita/ 

LA CLASSIFICA DELLE VINCITE RECORD al TOTOCALCIO
 1) concorso 13 07/11/1993 5.256.635.320 lire  (quella di Triestina-FIORENZUOLA 0-2)
 2) concorso 14 20/11/1988 4.361.350.475 lire
 3) concorso 38 01/01/1994 3.772.908.695 lire
 4) concorso 41 22/05/1994 3.460.111.050 lire
 5) concorso 15 28/11/1982 3.080.299.070 lire